www.valfiemme.com Info Val di Fiemme

www.valfiemme.com su Facebook

RSS Valfiemme.com Manifestazioni e news

ESCURSIONI in VAL DI FIEMME

Nota: Prima di intraprendere un'escursione, Ŕ consigliato leggere attentamente le "Regole dell' escursionista"
 
Gli itinerari:


Dal Passo del Manghen alla Forcella Montalon

E' un'escursione non difficile grazie al limitato dislivello da per correre ma, soprattutto in caso di nuvole basse, pu˛ comportare qualche problema di orientamento.
Il percorso ha inizio nei pressi del Rif. Manghen e seguendo il sentiero Sat 322a conduce in breve al Lago delle Buse.
Una nota merita il fatto che recenti ricerche hanno scoperto che i punti fuoco situati sulle sue rive ed ancor' oggi utilizzati dai turisti, sono situati esattamente nel punto dove, migliaia di anni prima della nascita di Cristo, gruppi di cacciatori preistorici accendevano i fuochi dei loro accampamenti!
Seguendo sempre evidenti tracce di sentiero si prosegue in direzýone ovest costeggiando le propaggini settentrionali del Montalon fino a raggiungere l'omonima forcella ed il taghetto che ne occupa la porzione meridionale.
Da qui l'itinerario ritorna verso ovest lungo il lato sud del Montalon offrendo una buona visione dell'imponente Massiccio di Cima d'Asta, si tratta di un gruppo montuoso formato da rocce magmatiche intrusive, solidificatesi cioŔ al di sotto della superficie terrestre e che gli eventi geologici hanno succesivamente por tato alla luce.
Al contrario la Catena del Lagorai, su cui Ŕ localizzato il percorso, Ŕ costituita quasi interamente da ignimbriti (note anche con il nome meno tecnico ma pi¨ noto di porfidi, ovvero rocce di origine magmatica fuoriuscite per˛ dalla crosta terrestre e poi solidificatesi.
Il percorso, che segue qui il sentiero Sat 322b e poi 322, tocca dapprima la Forcella Pala del Becco e successivamente la Forcella Ziolera, da cui si pu˛ osservare ed eventualmente raggiungere il sottostante tratto iniziale dell'itinerario, fino ad arrivare alla Forcella del Frate, un vero balcone naturale da cui si gode una vista magnifica su buona parte della sottostante val Gaiamente.
Da qui si scende rapidamente verso il passo del Manghen riguadagnando il punto di partenza.


II giro dei trÚ laghi: Moregna, delle Trote e lago Brutto

Qi tratta di un itinerario non difficoltoso Orna che per il dislivello (pari a circa 800 m) e l'ambiente severo di alta montagna in cui si svolge richiede un minimo di allenamento.
La partenza Ŕ localizzata presso la malga di Valmaggiore (1608 m) raggiungibile in automezzo da Predazzo; da qui seguendo i! sentiero Sai 339 ci si eleva rapidamente fino a raggiungere malga Moregna ed il vicino lago.
Il tratto successivo, sempre lungo il medesimo sentiero, ci innalza fino ai 2100 m del lago delle Trote.
Infine, Imboccato il sentiero Sai 349, un ultimo sforzo ci conduce alla Forcella di Moregna (2397 m) dopo averci fatto costeggiare il lago Brutto, nome decisamente immeritato per questo suggestivo laghetto alpino.
Da qui il percorso, dapprima in discesa e poi pianeggiando, ci conduce sino alla Forcella di Valmaggiore (2180 m) dove Ŕ localizzato il Bivacco Paolo e Nicola, prezioso punto di appoggio in caso di necessitÓ.
Il rientro avviene seguendo il sentiero Sai 335 che percorrendo la parte terminale della Valmaggiore ci fa riguadagnare l'omonima malga.


Dalla foresta di Paneveggio al passo Colbricon

L'itinerario ha inizio presso il centro visita tori di Paneveggio gestito dal Parco naturale di Paneveggio - Pale di S. Martino.
Lasciato l'automezzo nel comodo parcheggio si attraversa il piazzale della vecchia segheria, ancora utilizzato per l'accatastamento dei tronchi provenienti dai boschi circostanti.
Si prosegue quindi lungo la strada forestale che incomincia a risalire il versante immergendoci nel cuore della foresta di Paneveggio.
Gli enormi pecci attraverso le cui chiome la luce filtra con difficoltÓ ed il silenzio ovattato che ci avvolge rendono l'atmosfera quasi magica.
Poco prima di giungere all'ex Malga Colbricon la strada si restringe in un sentiero.
Abbandonata alle nostre spalle la malga in poco tempo si giunge al passo Colbricon.
Da qui si pu˛ godere una vista meravigliosa sulla sottostante conca ove giace S. Martino di Castrozza e sulle sovrastanti celeberrime Pale di S. Martino.
Al ritorno Ŕ possibile ripercorrere il tracciato dell'andata o, seguendo il sentiero Sai 348. portarsi a malga Polle e da qui scendere a Paneveggio attraverso il bosco di Costoncella grazie al cosiddetto źSentiero dei Cacciatori╗.


Da Caoria a S. Martino attraverso la Valsorda

Si tratta di un'escursione lunga ma facile che si svolge in buona parte su strade fo- restali. La partenza Ŕ al paese di Caoria da dove una comoda strada con una serie di tornanti ci innalza dalla valle dei Vanoi fino all'imbocco della Valmaggiore offrendoci anche belli spunti panoramici.
Da qui la pendenza si fa pi¨ mite e la strada ci guida trafitti boschi di conifere accompagnati dal borbottio del rio Valsorda che scorre in fondo alla valle.
Qua e lÓ si aprono ampie radure prative occupate da gruppi di źcasere╗ e di źtabiÓ, un tempo occupati per tutta la bella stagione dai locali che vi si trasferivano abbandonando temporaneamente i paesi in valle. Giunti alla casina fo- restale di Valsorda la strada ha termine e si imbocca il sentiero Sai 352 che in poco pi¨ di un'ora ci consente di raggiungere Malga Tognola di Siror, autentico balcone naturale sulle Pale di S, Martino. Avendo poi l'accortezza di lasciare un automezzo a S. Martino di Castrozza Ŕ possibile evitare di dover tornare sui propri passi, concludendo invece l'escursione a S. Martino grazie al sentiero Sat 352 che in un'altra ora di cammino ci conduce a valle.


Le regole per l'escursionista:

  • Preparare con cura orari di uscita e di rientro consultando guide, cartine, gente del luogo e, se l'itinerario presenta serie difficoltÓ, una guida alpina.

  • Da soli in montagna Ŕ bello. In compagnia non solo Ŕ meglio ma auspicabile e spesso determinante.

  • Informarsi sulle condizioni atmosferiche e su certi źsegni╗ premonitori. In montagna cambiano con grande facilitÓ e rapiditÓ.
    Se si affrontano pendii innevati Ŕ opportuno valutarne con cura la consistenza, l'esposizione solare oppure informarsi sul grado di pericolositÓ di certe zone esposte al pericolo di valanghe.

  • Anche nel riempire lo zaino, nulla va lasciato all'improvvisazione. Attrezzarsi quindi a seconda del grado di difficolta da superare ma senza dimenticare: un ricambio di calze di lana e di biancheria asciutta, guanti, berretto di lana, occhiali da sole (verdi o gialli) o da ghiaccio, giacca a vento, un maglione, disinfettante, coltello milleusi, una corda e dello spago, una pila tascabile, fiammiferi, crema protettiva, acqua e altre bevande, viveri (tavolette energetiche, alimenti in barrette, concentrati).

  • Se si affrontano vie ferrate (rinunciate se soffrite di vertigişni o scompensi di altra natura) non mancare di indossare il caşsco e di assicurarsi con imbracatura e moschettoni. Munirsi di guanti e di un cordino supplementare. Attenzione a non far preşcipitare sassi o detriti. Se incombe un temporale, scostarsi dalşla ferrata e attendere tempi migliori. Controllate la stabilitÓ di gradini in ferro, funi metalliche e scalette.

  • Se si affronta un ghiacciaio o pendii innevati, oltre alle conşsuete precauzioni e all'equipaggiamento adatto (occhiali, ghette, guanti, casco, chiodi da ghiaccio, moschettoni, corda, picşcozza e ramponi), procedere con cura senza uscire da vie tracciato o segnate sulla cartina.

  • Preferire un'abbondante colazione, un consumo intervallaşto di frutta o tavolette energetiche o barrette di alimenti bilanşciati "per lasciare poi alla sera il pasto caldo e completo. Bere molto ma senza eccedere.


    Altri consigli utili:

  • In caso di temporale non ripararsi sotto alberi isolati (soprattutto se larici) o vicino a strutture metalliche, torri, campanili, ruderi.

  • Se non necessario, non accendere fuochi. Curarne in ogni caso il completo spegnimento.

  • Rimanere sempre sul sentiero segnato evitando le scorciatoie. Oltre alla pericolositÓ dell'abbandonare il sentiero segnato, si innesca una spirale che autorizza tutti a sciamare indiscriminatamente per la montagna.

  • ╚ imperativo categorico rimettere i rifiuti in una borsa e portarla a valle per riporta nel primo contenitore.

  • Coprirsi adeguatamente. Occhio anche alle risalite in funişvia. Ogni mille metri la temperatura scende di 6/7 gradi.


    Cosa fare in caso di:

    Assideramento:
    si manifesta con abbassamento repentino della temperatura corporea (soprattutto naso, orecchie, piedi e mani) che coinvolge in breve tutto il corpo. In seguito intervenşgono spossatezza e sonnolenza. Avvolgere l'infortunato in coşperte, fogli di alluminio o altro, portarlo in ambiente caldo e massaggiare.

    Colpo di sole:
    causa malessere generale, nausea, stanchezza. Togliere gli indumenti e portare in luogo fresco.

    Congelamento:
    si manifesta dopo qualche tempo con arros-samento delle zone colpite causando inoltre insensibilitÓ ed inşcapacitÓ funzionale. Massaggiare vigorosamente la parte colpişta. Avvolgere in coperte o teli d'alluminio e portare a valle.

    Congiuntivite:
    causata soprattutto da esposizione ai raggi ultravioletti. Si presenta con dolore, lacrimazione, sensazione di źsabbia╗ negli occhi. Mettere occhiali scuri, applicare collirio.

    Distorsioni:
    fasciare strettamente l'arto interessato e conşdurre a valle.

    Emorragie:
    tamponare con ogni mezzo, applicare lacci emoşstatici o altri legami sopra la ferita. Tenere le gambe sollevate rispetto al corpo.

    Fratture:
    medicare le eventuali lacerazioni. Immobilizzare l'arto con strumenti di fortuna. Inoltrare a valle.

    Morso di vipera:
    fasciare strettamente l' arto dove la vipera ha colpito. Trasportare immediatamente a valle.


  • Strutture in Evidenza      
           
    Hotel Rosengarten - Garný - Appartamenti - Castello di Fiemme
    Hotel Rosengarten
    Castello di Fiemme
    Albergo Panorama PanchiÓ
    Albergo Panorama
    PanchiÓ
    Residence Mich Tesero
    Residence Mich
    Tesero
    Albergo Negritella - Ziano di Fiemme
    Albergo Negritella
    Ziano di Fiemme
    Residence Maso Chel˛ Cavalese
    Residence Maso Chel˛
    Cavalese
    Hotel Montanara - Ziano di Fiemme
    Hotel Montanara
    Ziano di Fiemme
    Garný Fonte dei Veli - PanchiÓ
    Garný Fonte dei Veli
    PanchiÓ
    Residence Volpe Rossa Cavalese
    Residence Volpe Rossa
    Cavalese
     
    Hotel Sole Bellamonte di Predazzo
    Hotel Sole
    Bellamonte
    Agritur Darial Tesero
    Agritur Darial
    Tesero
     
     Appartamento Diana Cavalese
    Appartamento Diana
    Cavalese
           
           
           

    Nuova disposizione per la tutela dei dati Policy Privacy
    D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196
    Copyright ę 2000/2017 - By Web Promotions Cavalese

    P.iva 01740910227 - REA TN ľ 180959 Web Promotions Cavalese Soluzioni per il Web Val di Fiemme